Coronavirus a Cuba, le notizie aggiornate

Si può andare a Cuba oggi? Qual è la situazione Covid? Cosa bisogna sapere? Posso già organizzare un viaggio per i prossimi mesi?

Bandiera di Cuba

Cuba è una delle mete turistiche preferite dagli italiani, in tanti ci state scrivendo per chiedere informazioni sulle restrizioni in questo periodo di Coronavirus e sulla possibilità di programmare un viaggio verso questa splendida isola nel mar dei Caraibi.

Come sempre, occorre far riferimento alle disposizioni ufficiali della Presidenza del Consiglio dei Ministri in materia di turismo.

Novità e aggiornamenti, 26 ottobre 2021

Ci sono novità importanti riguardo il viaggio e la permanenza a Cuba.

Il Governo cubano ha annunciato che dal 15 novembre 2021, per i turisti in arrivo, non sarà più necessario:

  1. Presentare il tampone molecolare negativo fatto non più di 72 ore prima della partenza.
  2. Sottoporsi all’isolamento.
  3. Fare tamponi molecolari durante la permanenza a Cuba.

Cerca il volo più conveniente per Cuba


Aggiornamento notizie, 11 settembre 2021

Il Ministero del Turismo di Cuba (MINTUR) ha annunciato sul suo sito la riapertura del turismo verso Cuba a partire dal 15 novembre 2021.

Si legge: “Grazie al successo e all’efficacia dimostrata della campagna di vaccinazione a Cuba e tenendo conto che il 90% della popolazione sarà immunizzata a metà novembre, si stanno creando le condizioni per aprire in modo graduale i confini del Paese a partire dal 15 novembre 2021

Ricordiamo che non si può andare a Cuba dall’Italia per turismo fino al 25 ottobre 2021, dal 15 novembre sembra ufficiale la riapertura.

Nota della redazione: le nostre fonti a Cuba (nonostante i proclami di ottimismo delle autorità) ci segnalano purtroppo una situazione sanitaria molto complicata sull’isola caraibica: mancano medicinali e la pandemia da coronavirus è ben lontana dall’essere sotto controllo.

Il nostro compito è quello di informarvi in maniera obiettiva e più completa possibile.

Non rimane che attendere l’evolversi della situazione, vi aggiorneremo tempestivamente.


1 settembre 2021, le ultime notizie aggiornate.
Si può andare a Cuba adesso?

Purtroppo non ci sono cambiamenti alla situazione precedente.

Non è possibile viaggiare per turismo a Cuba, almeno fino al 25 ottobre 2021.

Rimane la possibilità di recarsi nel paese caraibico per questioni sanitare, di studio, lavoro o assoluta necessità.


Viaggiare a Cuba, aggiornamento 1 agosto 2021

Ecco le ultime novità:

L’ordinanza del 29 luglio 2021 ha prorogato fino al 30 agosto le misure restrittive i soggiorni all’estero.

Non è possibile andare a Cuba per motivi turistici fino almeno a quella data.

Ci si può recare nell’isola escusivamente per assoluta necessità, per motivi di studio, lavoro o sanitari.


Situazione aggiornata Coronavirus a Cuba

La nuova ordinanza del 14 maggio 2021 non ha modificato la situazione precedente: non si può viaggiare a Cuba per turismo fino al 30 luglio 2021.

Cuba è inserita nel gruppo “E”, comprendente i paesi verso i quali è possibile andare solo per motivi di lavoro, studio, sanitari o assoluta necessità.


Aggiornamento 1 maggio 2021: non è ancora possibile andare a Cuba dall’Italia per motivi turistici.

Le ordinanze del 16 aprile e 29 aprile 2021 pubblicate in Gazzetta Ufficiale disciplinano i viaggi da e per l’estero fino al 15 maggio 2021.

Rimane l’obbligatorietà, in caso di rientro, di sottoporsi all’isolamento fiduciario di 14 giorni presso il proprio domicilio.


Il DPCM del 2 marzo 2021 (valido dal 6 marzo al 6 aprile 2021) non ha introdotto cambiamenti per quanto riguarda la possibilità di andare a Cuba per motivi turistici.

Non si può ancora fare un viaggio di piacere a Cuba.

Il Paese caraibico rimane nel gruppo “E” dei paesi verso i quali si può andare esclusivamente per motivi di stretta necessità, sanitari, di studio o lavoro.


Il DPCM del 14 gennaio 2021 regola e determina gli spostamenti da e per l’Italia fino a 5 marzo 2021.

Le ultime notizie confermano che ad oggi non si può andare a Cuba per turismo.

Non ci sono cambiamenti o novità rispetto al precedente DPCM, Cuba è ancora inserita nel gruppo “E”, comprendente i paesi verso i quali si può viaggiare solo in presenza di comprovati motivi di studio o sanitari, assoluta emergenza o lavoro.


Il DPCM del 3 dicembre 2020 valido fino al 15 gennaio 2021 stabilisce che, ad oggi, non è possibile uscire dall’Italia per viaggiare verso Cuba.

Cuba è inserita nel gruppo E, l’elenco di Paesi verso i quali è possibile andare solo in presenza di precise motivazioni.

Nello specifico si può partire solo per:

  • motivi sanitari
  • lavoro
  • assoluta emergenza
  • motivi di studio

Sono esclusi pertanto i motivi turistici.

É altamente improbabile che la situazione cambi prima del 15 gennaio 2021, data di un possibile nuovo decreto.

Le regole all’arrivo

Le autorità sanitarie cubane attuano un controllo sanitario per tutti i viaggiatori in arrivo a Cuba.

Le regole prevedono:

  • Controllo della temperatura (non deve superare i 37.5 gradi) alla partenza e all’arrivo.
  • Test PCR COVID-19 all’arrivo in aereoporto e un secondo test dopo 5 giorni di soggiorno. Fino al risultato negativo, il viaggiatore deve sottoporsi all’isolamento fiduciario.
  • Dal 1 dicembre, è previsto il pagamento di una tassa sanitaria di 30 dollari.

Risorse utili:

Rientro in Italia da Cuba

In caso di rientro o ingresso in Italia da Cuba, è fatto obbligo di avvisare le autorità competenti per attivare il protocollo sanitario e sottoporsi alla quarantena di 14 giorni presso la propria residenza o domicilio.

Com’è oggi la situazione sanitaria a Cuba? Come hanno gestito la pandemia?

Al momento della scrittura di questo articolo, Cuba ha registrato complessivamente 8906 casi di Coronavirus.

Un numero notevolmente più basso di qualsiasi paese dell’America latina.

Le autorità sono riuscite a contenere il virus in maniera molto efficace.

Questo è dovuto principalmente a due ragioni: la prima è un regime di forti restrizioni durato 8 mesi, Cuba ha attuato un lockdown pressochè totale per gran parte della seconda metà del 2020.

La seconda è l’eccellente qualità del sistema sanitario e un’elevata presenza di medici. Sono infatti 9 su 1000, una percentuale tra le più alte al mondo.

La percentuale di posti letto negli ospedali cubani è in linea con la media europea, 5 ogni 1000 abitanti.

Cuba ha un sistema di medicina di base all’avanguardia: i dottori visitano e fanno prevenzione porta a porta, durante l’emergenza Coronavirus hanno contribuito allo screening dei malati e ad un’efficace monitoraggio della situazione impedendo la diffusione di focolai.

Storicamente, il popolo cubano è abituato a confrontarsi con le emergenze, che siano economiche o sanitarie

Naturalmente il turismo, principale fonte di sostentamento dell’isola, si è praticamente azzerato causando una grave crisi economica, già precaria a causa dell’embargo americano.

La speranza è una rapida ripresa dei viaggi.

Prenotare un viaggio a Cuba durante il Coronavirus

Nonostante l’ultimo DPCM del 3 dicembre vieti di varcare i confini italiani diretti nell’America latina, è possibile organizzarvi un soggiorno anche in questo periodo.

Abbiamo fatto la solita prova con Skyscanner, cercando un volo da Roma a l’Havana per 2 persone A/R nel mese di marzo:

Volo Roma - Havana

Come vedi, è possibile prenotare, i prezzi sono convenienti.

Quando si potrà tornare a viaggiare liberamente a Cuba?

In questi casi fare previsioni è difficile.

La situazione pandemica in Italia è in leggero miglioramento ma occorre avere cautela e pazienza.

Ragionevolmente possiamo ipotizzare che da inizio primavera 2021 si potrà nuovamente varcare i confini europei.

In questo caso non è solo il Governo italiano a dover permettere di espatriare, ma anche le autorità cubane dovranno mantenere aperti i confini.

Aggiorneremo l’articolo quando ci saranno novità importanti.

Coronavirus a Cuba, le tappe della pandemia

Ripercorriamo le date principali dell’emergenza sanitaria:

21 febbraio 2020

Vengono istituiti controlli della temperatura all’arrivo dei turisti nei principali porti e aeroporti.

11 marzo 2020

Primi casi di Covid-19 sull’Isola, sono 3 turisti provenienti dall’Italia.

24 marzo 2020

Mentre aumentano i contagi, è proibito ai viaggiatori stranieri l’ingresso nell’isola.

1 aprile 2020

Le autorità cubane sospendono tutti i voli internazionali in arrivo.

4 aprile 2020

Viene istituito il coprifuoco e il lockdown a l’Havana e nella provincia di Pinar del Rio. Nei giorni seguenti viene esteso alle altre principali città.

10 aprile 2020

Sospensione dei trasporti pubblici interni al Paese.

18 giugno 2020

Il Governo cubano allenta le restrizioni.
Riaprono scuole, uffici e le attività commerciali principali.

3 luglio 2020

A fronte di un’improvviso aumento dei casi di Coronavirus, le autorità ripristinano il lockdown a l’Havana e successivamente nell’intero Paese.

30 luglio 2020

Vengono sospesi i voli commerciali fino al 15 agosto, il divieto viene successivamente prorogato fino al 1 settembre.

12 settembre 2020

Le restrizioni (lockdown e coprifuoco) vengono prolungate fino al 1 ottobre e successivamente al 12 ottobre.

7 ottobre 2020

Riaprono alcuni aeroporti secondari, per ricevere i viaggiatori diretti a Varadero, Cayo Santa Maria e Cayo Coco.
I turisti non dovranno allontanarsi dai luoghi di villeggiatura e sottoporsi ad un rigido protocollo di controllo sanitario.

15 novembre 2020

I contagi da Coronavirus a Cuba sono sotto controllo, la curva epidemica è in calo. Aprono scuole, bar, ristoranti, hotel e resort. Riapre l’aeroporto internazionale de l’Havana.
Riparte il flusso turistico.