Coronavirus Thailandia, la situazione attuale aggiornata

Bandiera Coronavirus Thailandia

Si può organizzare un viaggio in Thailandia? Qual è la situazione coronavirus in Thailandia oggi? Cosa dicono le leggi? Cosa devo sapere?

Così come per la situazione covid-19 alle Maldive (clicca per leggere l’articolo) abbiamo ricevuto mail e messaggi di richiesta chiarimenti per le news a tutt’oggi sulla pandemia in Thailandia.

In rete si leggono informazioni confuse e non aggiornate, spesso risalenti all’inizio dell’emergenza.

Facciamo chiarezza, aggiorneremo l’articolo appena ci saranno novità importanti.

Aggiornamento e ultime news 1 settembre 2021

Fino ad almeno il 25 ottobre 2021 non sarà possibile viaggiare in Thailandia per turismo dall’Italia.

Si può andare nel Paese del sud est asiatico esclusivamente per motivi di lavoro, studio, assoluta necessità.

La situazione covid in Thailandia è peggiorata negli ultimi mesi a causa della variante delta. I contagi sono in aumento e il Paese è in lockdown fino al 5 settembre e sicuramente verrà prolungato.

Nel caso di cambiamenti, aggiorneremo questa pagina tempestivamente.


1 agosto 2021, ultime novità

Riportiamo gli ultimi aggiornamenti per i viaggi in Thailandia.

L’ordinanza del 29 luglio 2021 proroga fino al 30 agosto le misure restrittive per i viaggi all’estero per i paesi dell’elenco “E”.

Non si può recarsi in Thailandia per turismo e viaggi di piacere fino ad almeno quella data.

Si può andare nel sud est asiatico esclusivamente per motivi di lavoro, studio, sanitari o di assoluta necessità.


Aggiornamento 18 maggio 2021

La nuova ordinanza del 14 maggio 2021 disciplina gli spostamenti verso l’estero fino al 30 luglio 2021.

Non ci sono significativi cambiamenti, ad oggi si può viaggiare in Thailandia per motivi turistici.

Rimane obbligatorio, una volta rientrati in Italia

  1. Compilare autocertificazione cartacea.
  2. Sottoporsi a test antigenico o molecolare 48 ore prima dell’atterraggio in Italia con esito negativo
  3. Sottoporsi a 10 giorni di isolamento fiduciario presso il proprio domicilio.
  4. Ripetere il test al termine dell’isolamento.

Aggiornamento 1 maggio 2021

Secondo la normativa italiana, ad oggi si può andare in Thailandia per turismo, sono previste limitazioni per quanto riguarda il rientro in Italia.

Le ordinanze del 16 aprile e 29 aprile 2021 valide fino al 15 maggio 2021 consentono i viaggi verso i Paesi inseriti nel gruppo “D” (dove è presente la Thailandia) e disciplinano le regole da seguire una volta rientrati.

É obbligatorio:

  1. Compilare autocertificazione cartacea.
  2. Sottoporsi a test antigenico o molecolare 48 ore prima dell’atterraggio in Italia con esito negativo
  3. Sottoporsi a 10 giorni di isolamento fiduciario presso il proprio domicilio.
  4. Ripetere il test al termine dell’isolamento.

Aggiornamento 2 marzo 2021

Ci sono importanti novità per quanto riguarda la possibilità di andare in Thailandia per turismo.

Lo stato di emergenza nazionale decretato il 26 marzo 2021 è stato prorogato dalle autorità thailandesi fino a nuovo ordine.

Non si può viaggiare in Thailandia per motivi turistici.

I transiti aeroportuali non sono consentiti, le frontiere terrestri rimangono chiuse dal 21 marzo 2020.

Thai Airways ha sospeso le tratte aeree Milano-Bangkok e Roma Fiumicino-Bangkok.

Aggiornamento 14 gennaio 2021

Il DPCM del 14 gennaio 2021 non ha portato cambiamenti rispetto al precedente decreto riguardo alla situazione covid in Thailandia.

Ad oggi si può andare in Thailandia per turismo.

Rimane l’obbligo di sottoporsi all’isolamento fiduciario e alla quarantena secondo i termini di legge una volta una volta rientrati in Italia.


Situazione Coronavirus Thailandia dicembre 2020

Alla data odierna, 7 dicembre 2020, si può andare in Thailandia per motivi turistici e viaggi di piacere.

Il DPCM del 3 novembre 2020 regola gli spostamenti per i paesi esteri fino al 15 gennaio 2021.

Nello specifico, la Thailandia è inserita nel gruppo D, comprendente i Paesi a “rischio moderato”.

Viaggio in Thailandia durante Covid-19, leggi vigenti e visto d’ingresso

Cosa devo fare per organizzare il viaggio?

Il governo thailandese ha approvato recentemente una proroga fino al 31 gennaio 2021 per gli ingressi nel paese.

Per andare in Thailandia ti serve un visto d’ingresso turistico ad entrata singola, rilasciato dall’Ambasciata di Thailandia a Roma.

Ti verrà chiesto:

  • Ricevuta di biglietto andata e ritorno per la Thailandia.
  • Conferma di prenotazione di un hotel ASQ. Sono alberghi convenzionati con il governo thailandese, dotati dei presidi sanitari atti a svolgere la quarantena di 14 giorni.
  • Tampone negativo al Covid-19 effettuato non oltre le 72 ore dalla partenza del volo.
  • Estratto conto bancario con disponibilità in denaro sufficiente per tutta la permanenza.
  • Assicurazione sanitaria con massimale di almeno 100.000 dollari con copertura Coronavirus.

Per informazioni ulteriori puoi scrivere una mail all’indirizzo consolato@ambthai.it

Consigliamo inoltre di consultare le disposizioni presenti sul sito dell’immigrazione thailandese a questo indirizzo.

Rientro in Italia dalla Thailandia

Si può tornare in Italia in ogni momento, presso la propria residenza o domicilio.

Una volta arrivati sul suolo italiano è obbligatorio:

  • Compilare l’autodichiarazione di rientro dall’estero (clicca qui per scaricarla)
  • Comunicare alle autorità sanitarie competenti il rientro, in modo da attivare il protocollo. 
  • Sottoporsi ad isolamento fiduciario in casa. La quarantena è fissata in 14 giorni.

Domande più frequenti

La Thailandia ha avuto pochi o molti casi di Coronavirus negli ultimi mesi?

La Thailandia è uno dei paesi meno colpiti al mondo dalla pandemia, il virus si è esteso molto più lentamente rispetto ad altre realtà.

Con una popolazione di 70 milioni di abitanti, si sono registrati poco più di 4000 casi in totale.

Le autorità sono riuscite a contenere l’emergenza in maniera efficace, la sanità in Thailandia è inoltre una delle migliori.

I thailandesi sono soliti trascorrere molte ore della giornata all’esterno (anche durante i pasti) e non hanno contatti fisici quando si salutano: non si abbracciano mai, si inchinano.

Queste consuetudini hanno sicuramente contribuito a mantenere basso il numero dei contagi.

Qual è la situazione turistica attuale?

Da ottobre l’afflusso dei turisti è in lenta ascesa. Si contano circa 400/500 arrivi a settimana.
Molti alberghi e resort sono aperti e attivi al 100%. 

Si può prenotare un volo per i prossimi mesi? Conviene farlo? Come sono i prezzi?

Come scritto in precedenza, si può andare in Thailandia anche in questo periodo richiedendo un visto speciale.

Ci rendiamo conto che al momento non è molto agevole a livello burocratico, non possiamo sapere quando le richieste verranno allentate e si potrà ricominciare a viaggiare come prima.

Difficile fare previsioni, ma è ragionevole pensare che da marzo 2021 la situazione potrebbe migliorare.

Su Skyscanner abbiamo cercato un volo ad aprile per 2 persone A/R da Milano a Bankok.

Volo Milano - Bangkok

Come vedi si può prenotare tranquillamente un volo per la Thailandia, i prezzi sono convenienti.

Se hai in programma un viaggio nel sud-est asiatico il consiglio è di prenotare fin da ora, informandosi bene sulle politiche di rimborso delle varie compagnie aeree. 

Covid-19 Thailandia, le tappe della pandemia

Gennaio 2020

Il 13 gennaio il Ministero della Salute pubblica thailandese conferma il primo caso di coronavirus nel Paese.

Febbraio 2020

I casi confermati sono 40.

Marzo 2020

Salgono i casi fino ad oltre 100.

Il 26 marzo viene dichiarato lo stato di emergenza nazionale, vengono chiusi uffici ed attività commerciali a Bangkok e nelle province più densamente popolate.

Aprile 2020

Il 3 aprile scatta il coprifuoco per tutta la popolazione e la chiusura di tutte le attività non essenziali.

Il 4 aprile tutti i voli internazionali sono sospesi, le frontiere vengono chiuse e non è possibile viaggiare per motivi turistici fino al 31 luglio.

Maggio 2020

Grazie alle misure introdotte, i casi di nuove infezioni da coronavirus sono scesi quasi a 0.
Le restrizioni vengono progressivamente allentate, riaprono uffici e attività commerciali.

Luglio 2020

Il coprifuoco viene revocato per tutta la popolazione.

Agosto 2020 

Riaprono scuole e università.
Benchè non si siano verificati nuovi casi interni da maggio, viene prorogato lo stato di emergenza nazionale fino al 30 settembre, a scopo precauzionale.

Ottobre 2020

Riaprono le frontiere per i turisti stranieri, attraverso un programma di vito turistico speciale. Ad ottobre sono entrati nel Paese 1201 visitatori (nelle stesso mese dell’anno precedente erano stati oltre 3 milioni).

Novembre 2020

Il Governo proroga il decreto di emergenza Coronavirus fino al 15 gennaio 2021.

Dicembre 2020

Prosegue l’arrivo dei turisti, la situazione pandemica è ampiamente sotto controllo. Al 7 dicembre i casi totali di infezione da Coronavirus in Thailandia dall’inizio dell’emergenza sono 4128, i casi attivi nel paese sono 179.